Aroma di arance fatto in casa

aroma di arancia in polvere (4)

Mancava da un po’ una ricettina da essiccatore vero? allora provvedo con una di quelle che mi hanno dato più soddisfazione: l’essenza di arance fatta in casa. Di stagione, riciclona, no spreco, autoprodotta, profumata, costo zero, idea regalo fai da te…Insomma, ce le ha tutte. (tranne una foto decente, ma mi pare che ci stiamo abituando no?)

Dunque il senso è questo: avete arance non trattate, di sicura provenienza, senza robaccia sulla buccia? Bene, allora dopo le spremute, le marmellate, i dolci all’arancia, possiamo fare in casa l’essenza di arance, che poi si può usare nei dolci, nella cioccolata calda, proprio come usate la scorza grattata, o le fialette (buuuuuuu). Continua a leggere

chips di mela disidratata con o senza sciroppo di zucchero

chips di mela essiccate (4)

Diciamo che ogni tanto una ricettina ci vuole, vero? E diciamo che non potevano mancare, nel blog di una neo maniaca dell’essiccatore, le chips di mela disidratate. Anzi, a dire la verità le foto sono pronte da un pò, ma poi il Natale mi distrae, catalizza tutti i pensieri e le attività, che casa mia sembra un’officina, solo che non ho i folletti che mi aiutano, e quindi sembra sia passato un uragano o due.

Intanto, però, le chips di mele sono una costante, e il ciclo di produzione non si ferma, perchè tra quelle che regalo, quelle che sono finite a decorare alberi di Natale altrui, e quelle che ci mangiamo, il barattolo è sempre vuoto.

Continua a leggere

L’essiccatore domestico: come usarlo, cosa essiccare, come essiccare

chips di mela essiccate (5)L’essiccatore domestico è l’elettrodomestico che non ti aspetti. Lo compri per una cosa, e dopo dieci minuti ti chiedi come hai vissuto senza fino al giorno prima. Ti apre mondi sconfinati di autoproduzione – conservazione – salutismo e creatività mai visti. Addirittura, usare un essiccatore ti costringe a fare attività fisica, facendoti innegabilmente venire un’insana voglia di raccogliere da boschi e colline ogni genere di erba – bacca – prodotto semi commestibile, per essiccarlo, imbarattolarlo, farne ogni chè.
Addirittura, usare un essiccatore ti fa diventare la maga del riciclo, del riuso, del recupero, del non si butta niente, e ti fa sentire la persona più produttiva del mondo con zero fatica, innalzando la tua autostima come un paio di scarpe col tacco 12. (Di vernice nera con suola rossa).

Tutto questo con 5 vassoi e un pò di aria calda. E qualche prodotto procacciato al mercato o supermercato e nei boschi di cui sopra. E qualche dito affettato, se siete me, ma magari no, siete meno imbranati.

Continua a leggere

Tisana di bucce di mela essiccate in essiccatore

tisana di bucce di mele (1)

Questo è il primo post che riguarda i miei esperimenti con l’essiccatore, e quindi serve una premessa. Tutto ciò che si fa in essiccatore, lo potete fare anche nel forno, ci vuole solo molto più tempo, più energia eccetera, ma se la voglia di provare è troppa provate lo stesso.

Presto, in un post che sto per pubblicare, vi racconterò che l’essiccatore è lo strumento del momento, e che una delle geniali meraviglie di questo strumento è che vi fa riciclare tantissime cose, e che tanti scarti trovano nuova vita. Intatnto vi faccio un esempio concreto delle nuove idee che possono seguire all’acquisto di un essiccatore.

Chi di voi ha un estrattore o una centrifuga, sa che si produce un bel pò di scarto. Si da il caso che lo scarto sia per la gran parte composto di bucce. Ora, che io sappia, le bucce di alcuni frutti sono proprio nobili, importanti e piene di nutrienti. E se voi avete la fortuna di avere o comprare frutta e verdra di provenienza certa, che peccato buttare tutto no?

Ecco come riutilizzare le bucce di mele, o gli scarti dell’estrattore o della centrifuga per frutta.

Che con la buccia di mele si faccia una buona tisana rilassante pre sonno, ce lo insegna Sonia, e che questa tisana sia buonissima ve lo garantisco io. A questo punto la sindrome del criceto chiama, e io faccio scorte.
Visto che ogni tanto faccio il centrifugato di mele (quest’anno non so più dove metterle), e che a volte uso la centrifuga per fare questa conserva di mele, cipolle, datteri e miele,  ho provato con successo a fare questa cosa, rapidamente vi dico come.

COME ESSICCARE LE BUCCE DELLE MELE E GLI SCARTI DELLA CENTRIFUGA

Ricordatevi solo di eliminare i semini dalle mele, sempre per la questione dell’acido cianidrico, non si sa mai.

Prendete gli scarti della centrifuga, ed in una ciotola amalgamateli con un pò di zucchero e cannella.

Preparate dei fogli di carta da forno a forma del vassoio del vostro essiccatore, (o del forno) e spalmateci sopra le bucce così tritate, in lastrine sottili, proprio spalmatele. Poi accendete il macchinario, e aspettate qualche ora che si asciughino.

Tecnicamente, ho impostato temperatura medio bassa (40-50 gradi) e le cialdine si sono seccate in 8-9 ore, ma non è una regola. Abbiate solo l’accortezza di staccarle dalla carta da forno dopo qualche ora, appena iniziano a sollevarsi i lati. Potreste trovarle ancora un pò morbidine trascorse queste ore, ma considerate sempre che quando la temperatura tornerà normale il prodotto si indurirà.

Una volta asciutte chiudetele subito in un barattolo di vetro, in modo che non riprendano umidità, e fatele stare lì per un pò. Se dopo una giornata si fosse formata qualche gocciolina di condensa, è segno che servono ancora poche ora di essiccatore, quindi ripetete quanto fatto in precedenza, inclusa la prova barattolo.
Dopodichè mettetele in un mixer e con la funzione a impulsi riducetele in piccole briciole.

A questo punto io, per ulteriore sicurezza, le trasferisco in un barattolo più piccolo e le passo un minuto al micoronde. Poi chiudo il barattolo e stop. Agitate di tanto in tanto solo il primo giorno, potrebbero tendere ad agglomerarsi.

USI DELLE BUCCE DI MELA DISIDRATATE:

Principalmente, queste bricioline sono buone per fare una tisana di bucce di mela, tenete presente che è già dolcificata, e che in infusione tende a “sporcare” l’acqua, in quanto la mela si reidrata e riprende volume. Utilizzate due cucchiaini di preparato per tazza.

Un’altra possibilità è aggiungerne un pò ad una miscela di erbe o the, per aromatizzarli e fare tisane personalizzate. Se usate solo the, considerate una parte di briciole di mela e due parti di the.

Se non siete del tutto convite che la tisana sia la morte loro, provatene a infilare un pò nei biscotti. O nei muffin. Insomma, siate un pò anche creativi, e poi condividete con me, grazie 😉

IDEA REGALO DI NATALE HOME-MADE

Che va tanto di moda ed è una cosa bellissima fare i regali in casa.
Natale si avvicina…io ve lo dico tanto per dire, ma insomma manca poco eh!
Secondo me, un thè (che comprate in erboristeria sfuso e buono), mischiato con un pò di queste bricioline fa un bel pò piacere a chi lo riceve! Infilate il sacchettino di tisana o di the in una bella tazza, ed avete regalato un pensiero che farà piacere. Poi volendo trovate in rete tante idee per fare proprio le bustine monodose di the, insomma, l’idea ve la dò, la svilupperete di sicuro alla grande!

E questo è appunto il primo dei post sul mio nuovo amatissimo giocattolo. Ne seguiranno altri, statene certi… ho taaanti barattolini che aspettano solo di essere fotografati, e condivisi con voi.