Che fare se arrivano ospiti all’improvviso – pulizie d’emergenza

IMG_2140

La settimana scorsa, in maniera semi-seria, ci siamo messi a posto con la coscienza, e abbiamo fatto il punto su cosa far mangiare a chi arriva a casa all’improvviso, in ora di aperitivo-cena.
Ho volutamente tralasciato l’aspetto CAOS, che sta ad indicare proprio il caos, si, ma l’acronimo ( che non ho coniato io) ricorre in siti e blog dedicati e significa invece anche  Casa Anti Ospiti a Sorpresa. (non  l’ho coniato io, ,ma lo trovo perfetto per certe giornate).
Certe giornate, davvero, la soluzione sarebbe una bacchetta magica, o una bomba a mano, o una cortina di fumo spessa che non lascia vedere a un passo. Perchè, effettivamente, queste situazioni andrebbero prevenute, ed è infatti quello che mi sono prefissata qualche tempo fa, ed è la strada che cerco di fare insieme a voi in questi post del lunedì.

Ma nel frattempo, intanto che non diventiamo come Bree Van de Kamp,  mio mito assoluto delle Desperate Housewifes, ci sono dei rimedi dell’ultimo minuto, tipo il bignami della brava casalinga, da applicare in caso, appunto, di ospiti che stanno per arrivare, e di casa “in autogestione”, come diciamo sempre noi.

Una cosa è certa. Se ricevete la telefonata da sotto casa vostra, o se ad annunciare la visita è il citofono, c’è poco che potete fare, ma un consiglio ve lo do lo stesso. Non ripetete frasi tipo “scusate il disordine” o non fate caso al macello che c’è in giro” e simili. Secondo me sono i modi migliori per attirare l’attenzione sul caos. Lasciate stare.andrà meglio la prossima volta.

Se invece la visita è preannunciata di un quarto d’ora, o più,avete il tempo per salvare il salvabile.

Quindi:
Se abitate in case singole, con porticati e verandine, iniziate da lì, limitandovi ovviamente alle immediate vicinanze della porta. In pochissimi minuti, eliminate da davanti alla porta, scope, annaffiatoi, scarpe e  vasi secchi. Il davanti casa è il primo impatto che la gente ha, e un ingresso disordinato, con le piante secche, il tappeto sporco eccetera, annulla qualunque altra impressione. Quindi sbattete al volo il tappeto, e spazzate velocemente eventuali foglie secche e peli di animali.
(Voi non avete il mulinello personale di vento,  che porta davanti alla vostra porta le foglie di tutte le piante in un raggio di 20 metri, i peli degli animali di tutto il paese, le piume delle galline dei pollai delle 28 famiglie vicine? Io si).

Passate in casa.
Date la precedenza alle stanze che di sicuro verranno frequentate. Quindi ingresso, corridoi eventuali, salotto, cucina, e bagno.
Aprite le finestre per cambiare l’aria; sembra sciocco, ma l’aria “pulita” si sente!
Togliete tutto quello che è fuori posto, fatelo sparire: Munitevi di bacinella (capiente) e pimino per spolverare, e passate stanza per stanza, raccogliendo tutto ciò che fa disordine. (scarpe del figlio, giocattoli e macchinine che aspettano giusto il piede della suocera per rotolare 3 metri con la suocera al seguito, fazzoletti, tazze vuote, giornali, libri, caricatori per telefoni, insomma, il campionario è vasto).
Lo so che non si fa, davvero, lo so. Ma mettete tutto nella bacinella ed infilatela sotto un letto, ripromettendovi poi di smistare il contenuto appena adranno via gli amici. O la suocera, o il medico o chi sia.
Liberate assolutamente i piani; tavoli, penisole, tavolinetti da caffè. Se offrite una birra, dovete avere il posto dove metterla no?
Contemporaneamente spolverate le zone più critiche ed in vista. A casa mia sono il pianoforte nero lucido, e i due metri e cinquanta di tavolo della sala, di legno di castagno scuro.

In cucina, liberate il lavandino da piatti, tazze e pentole non lavate, se ce ne sono. (a casa mia si). Infilatele nella lavastoviglie, o in un’altra bacinella, insomma levateveli da davanti, pulite il lavandino, e se il gas è sporco chiudete il coperchio. Occhio non vede, cuore non duole.

Scappate in bagno, procuratevi un detergente spray senza risciacquo, e al volo passate il lavello e i sanitari; asciugate i rubinetti e le ceramiche con l’asciugamano che avete appeso, che poi metterete a lavare, e prendetene un paio puliti, che fanno sempre la loro figura. Controllate gli specchi, asciugate goccioloni e ditate.

Avrete impiegato si e no 10 minuti. Se ve ne avanza qualcuno, sistemate i vari cucscini di divani e poltrone, accendete qualche cosa di profumato, tipo candele o diffusori se li avete.

Prendetevi un paio di minuti per sistemarvi, se non vi sentite a posto. Io per esempio non mi godo niente se sento di essere “trasandata” nell’aspetto (capelli, o ciabatte ai piedi, o cose del genere, ma è una mia mania, poi lo so che non è così importante).

Chiudete le tende, Almeno, io le preferisco chiuse, e anche in casa di altre persone, le tende tirate mi piaccioni di più. Poi c’è da dire che la luce ridotta è meno impietosa sulla polvere dei mobili, e i vetri semipuliti non si notano ;).

Direi che ci siamo.
I primi anni con mio marito, vivevamo in una casa molto grande, dove prima abitavano i miei suoceri.
Io adoro i miei suoceri, sono splendidi (e mia suocera fa dei regali azzeccatissimi), ma mia suocera è l’incarnazione della donna perfetta. Lei è sempre in ordine, vestita e sistemata come appena uscita da una spa, lavora fuori casa, eppure tutte le sua case sono lo specchio della perfezione, inclusa la casa al mare e la casetta in campagna, inclusi giardini, balconi, vasi, piante, uccellini in giardino, inclusi i garage e le cantine. Io i primi anni di matrimonio ero l’esempio della perfetta distruttrice di ordine domestico. si può migliorare eh, ne sono la prova. I miei suoceri insomma, ogni volta che telefonavano per dire che stavano venendo, davano il via alla corsa disperata per far avere al tutto un aspetto quantomeno decente. (Non funzionava, perchè poi un giorno mia suocera mi disse, semplicemente, “Claudia, trova una persona che ti aiuti in casa”. Punto). Adesso quando i suoceri telefonano, mi limito a mettere un dolce in forno, se non ce l’ho, perchè mio suocero è un gran goloso,  e a mettere l’acqua per la tisana che prendo con mia suocera. Tutt’al più tolgo qualche giocattolo da in giro, ma siamo molto più rilassati…gli sforzi pagano.

A fine post, come (quasi) sempre, i menù della settimana.

L:   P: pasta con cime di rapa e alici  C: pizza
M:  P: minestra in brodo di carne bianca  C: bistecche, e verza ripassata
M:  P: tonno e pomodori, bruschette  C: pasta al ragù, insalalata
G:  P: bresaola rucola e parmigiano, formaggi vari. C: risotto ai funghi
V:  P: minestra di baccalà e patate.  C:fuori 🙂

Annunci

5 thoughts on “Che fare se arrivano ospiti all’improvviso – pulizie d’emergenza

  1. Io sono notevolmente migliorata da quando ho conosciuto il metodo Flylady, che sembrerà scontato ma per una caotica come me ha fatto miracoli: forse lo conosci, ma si riassume in poche mosse utilissime!
    1. pulire un pezzetto al giorno, a rotazione;
    2. eliminare il ciarpame dai punti caldi, cioè quelli dove si annidano puntualmente tutte le scemenze vaganti;
    3. buttare, buttare, buttare…… (e per chi, come me, ha una casa mignon… beh, è una manna!)
    Diciamo che vedrei bene anche te a risolvere un po’ di casino come ho fatto io (che poi ogni tanto ci ricado è ovvio…)!
    Un bacione (e senza stress 🙂 )!

    1. Cara Tatiana, le Fly Ladies hanno ctanto aiutato anche me, davvero, specie nel crearmi un metodo. E si, funziona. Ho intenzione di arrivare anche a quello, in questa sezione del blog, ma mi ci vuole tempo e coraggio, per scriverne!
      comunque mi conforta vedere che nel caos ci ricadiamo tutte ogni tanto 😉
      Ma si…. senza stress è la parola d’ordine direi, o almeno dovrebbe esserlo…

    1. ciao stefania! Ma non siamo una visione triste, io la trovo buffa. No, nemmeno a me funziona muovere il naso, nè altre formule rubate a vari super eroi.
      quindi ci armiamo del nostro solito coraggio e provvediamo altrimenti! a presto!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...