100happydays. Una sfida di felicità, e buon lunedì, e i miei menù

100happydays

#100happydays.
100 giorni felici.

Qualche anno fa ho conosciuto una persona, una di quelle speciali, che quando parlano ti toccano il cuore, e ti fanno muovere qualcosa dentro. Era un frate, ma poteva essere un monaco buddista, un ateo, un politico, per me non conta, perchè era una persona che sapeva parlare di Amore, e non tutti sono capaci.
Questa persona anni e anni fa lanciò a me e a tanti altri ragazzi presenti, questa sfida: “Mettevi a letto la sera, e prima di dormire, contate sette cose belle della vostra giornata, e sette cose brutte. Vedrete quanto c’è da essere felici”. Sarà che sono un pò Pollyanna dentro, ma ancora oggi, che sono passati anni, ogni tanto questo giochino mi diverte ancora, tanto che spesso lo faccio insieme al Cicciolò. Per questo mi ha appassionato subito la sfida dei 100 happy days, che trovate dettagliata sull’omonimo sito.

In pratica la sfida è questa: Ce la fai per 100 giorni di fila a trovare un’immagine della tua felicità, e condividerla in un social?

Mi è piaciuta tanto l’idea, perchè è una di quelle cose semplici che però ci ricordano quanto basta poco, e quanto spesso sottovalutiamo i piccoli momenti, e questo sembra banale da dire, ma secondo me non lo è. Perchè poi al momento di pubblicare e quindi scegliere la foto, sembra sempre che non ne basti una sola. E’ banale e lo diciamo sempre, tutti, che la felicità è nelle piccole cose…che ci lamentiamo sempre di nulla… che dovremmo ringraziare Dio (o chi per lui insomma) ogni minuto…ma spesso resta retorica, frasi fatte… Diventano parole vere e sentite solo davanti al dolore nostro o dei nostri cari, solo in questi casi “sentiamo” il bello del poco.

E’ normale che sia così. Io l’ho imparato, con tante altre lezioni, cinque anni e qualcosa fa, che quel quotidiano che a volte ci sembra stancante, banale e difficile, invece può diventare un miraggio meraviglioso, in trenta secondi. (ventotto). Voi che mi leggete sapete bene di cosa parlo.  Mi ricordo di quel periodo il senso di estraniamento con cui guardavo la mia borsa, e mi sembrava così sbagliata e fuori luogo..davvero avevo voluto un oggetto così costoso e inutile? O il senso di “disgusto” con cui sfogliavo riviste di moda…Mi ricordo il ridimensionamento di ogni altro guaio, di ogni necessità che prima per me era importante. Hai una coperta, la tua famiglia è li, hai da mangiare. hai tutto.

E poi sono tornata a comprare borse, ad appendere quadri nella (nuova) casa, ad arrabbiarmi se ho i pavimenti sporchi…L’essere umano ha una resilienza enorme. Però ritengo doveroso ogni tanto fare un salto indietro, dire un grazie alla Vita, a Dio (ancora, chiamatelo come vi pare), al mondo di essere così bello, e alla mia enorme fortuna, di essere una come un milione di altri. Ecco. Parlo sempre troppo. Non riesco a esprimere un concetto in poche parole.

Quello che volevo dire, è che a parte il giochino dei 100 giorni, ognuno di noi dovrebbe trovare il tempo per accorgersi che siamo felici. Ovviamente se non stiamo passando in uno di quei momenti di cui sopra, nel qual caso tutte queste sono solo chiacchiere.

Detto ciò…volevo in cinque altri minuti condividere il mio meal plan per questa settimana, scusate la ripetitività di alcuni alimenti, ma come dicevo qui, abbiamo una certa iper produzione di qualcosa… 😉

LUNEDI’: P: panino con due amiche 🙂  C: Lenticchie in insalata, con carote e sedano, e Cesar’s salad alla maniera che piace a mia cugina che viene a cena ;), forse stasera riesco a fargli due foto decenti e ve la racconto. Forse.

MARTEDI’:  P: pasta con finta carbonara di pesce spada   C: Invitati dai suoceri. dolce incluso. Quindi, niente da fare

MERCOLEDI’: P: pomodori dell’orto (finalmente) con mozzarella e tonno C: insalata di riso

GIOVEDI’:  P: minestra fredda di verdure  C: pasta con sugo alle olive

VENERDI’, SABATO e DOMENICA siamo fuori casa.
E’ incominciata la nostra avventura in camper, e avendo la fortuna di condividere la casa con i miei, appena posso vado via, senza il problema di lasciare la casa vuota, o il cane, o i gatti eccetera. Ho i maggiordomi inclusi nel pacchetto.

Presto vi racconterò di questa esperienza bellissima e nuova. Intanto, buona settimana. Claudia

Annunci

8 thoughts on “100happydays. Una sfida di felicità, e buon lunedì, e i miei menù

  1. ..sai che hai proprio ragione? bisognerebbe fare quel giochino delle “7 cose” per capire che in fondo il bello delle nostre giornate se impariamo a riconoscerlo, c’è.. Stupenda l’iniziativa dei 100 happydays.. bravissima !
    Un bacione, Carla

    1. Grazie Carla. L’iniziativa non è mia 😉 io ho solo aderito in effetti. Ma dà un’iniezione di allegria, ogni giorno!
      Benvenuta ai Fornelli! claudia

  2. L’iniziativa dei 100 giorni è molto bella, chissà che non mi decida a seguirla anch’io. ..
    Sul camper attendo con molta curiosità, ne ho un’unica esperienza diretta a dir poco catastrofica con un gruppo di amici, ma credo che per girare con la famiglia sarebbe una bella soluzione. Il marito però non ci sente proprio. … chissà se riuscirò a convincerlo almeno per una vacanza?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...