Ultime (e prime) frittelle di carnevale. Spirali all’arancia caramellate

Diversamente da quanto faccio di solito, stamattina ho deciso che si potevano preparare dei fritti per carnevale.

IMG_8848

IMG_8836

Io non friggo quasi mai, davvero, ma stasera in famiglia abbiamo organizzato la serata di fine carnevale, e stamattina mi sentivo ispirata, e poi c’era questo libro sulle frittelle, e questa ricetta che secondo me si poteva modificare facilmente in milk free, ed ho provato. E credo di aver fatto bene…ecco la ricetta.

Conoscendomi bene, e sapendo che difficilmente mi prendono questi slanci verso la frittura, ho provato anche ad infornarne un pò, invece di friggerle tutte quante. Bè vabbè uguali non sono di certo, ma sono molto mangiabili lo stesso!

INGREDIENTI:

300 gr di farina bianca

60 gr di margarina a t ambiente e 40 ml di olio di semi

140 ml di acqua

200 gr di zucchero

4 arance non trattate a cui grattare la scorza

olio di semi per la frittura

COTTURA:  in padella, in abbastanza olio ben caldo oppure in FORNO preriscaldato a 180′ per 20 minuti, su teglia con carta da forno

PROCEDIMENTO:

Come prima cosa si prepara il “ripieno”: la scorzetta delle arance viene grattata e poi mescolata allo zucchero, che subito prende un bellissimo colore arancione, e riempie di profumo tutta la cucina. (Da goderselo adesso dato che tra poco la frittura coprirà ogni possibile profumo) (Ecco perchè non friggo. Non ho la cappa e la cucina non ha la porta).

 

IMG_8828

Nella ciotola dell’impastatrice, con frusta a gancio, mescolare la farina con la margarina a pezzetti, l’acqua e l’olio. (idem se si usa una frusta elettrica, usando sempre le fruste a gancio). In 4 o 5 minuti l’impasto è pronto, liscio e morbido, e  non è per niente appiccicoso.

 

A questo punto và steso su una spianatoia leggermente infarinata, non troppo sottile (5 mm più o meno), e sopra questa sfoglia si distribuise lo zucchero all’arancia, in uno strato non troppo alto.

IMG_8832

Ora tagliare, con un bel coltello infarinato (io ne ho usato uno di ceramica, regalo della mia cara amica Giulia), delle strisce alte 10 cm circa, e lunghe 20, ed arrotolarle sul lato lungo, in modo da avere dei rotolini di pasta come nelle foto, cercando di tenere ben stretto il rotolo, per non farlo aprire in cottura.

IMG_8835

Con il coltello di cui sopra, che deve essere  infarinato ad ogno taglio, affettare i rotolini ricavando rondelle di di circa 6 mm.

IMG_8838

Scaldare l’olio, e…scatenare l’inferno 🙂

(Figgere due tre minuti per parte)
IMG_8848

Noterete che lo zucchero friggendo si caramella, evitate quindi di mettere le spirali, una volta fritte, su tovagliolini di carta, o scottex. Io ho usato la carta da forno, o sarebbe megliola carta oleata, ad averla in casa. Ad ogni modo conviene disporli inizialmente si una superficie ampia in modo da non doverli sovrapporre.

Sono buone, veramente.

 

IMG_8847

Annunci

4 thoughts on “Ultime (e prime) frittelle di carnevale. Spirali all’arancia caramellate

    1. ciao Lucia! No, non si aprono, vanno un pò “schiacciate” nel punto di chiusura, magari se si è usata troppa farina puoi inumidire con un pò d’acqua, dove le incroci 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...